IL CAVOLETTO DI BRUXELLES

Cavolini di Bruxelles, al via la stagione in casa SIPO

Sipo è lieta di comunicare che da ordini di Sabato 4 Novembre sarà nuovamente disponibile il Cavoletto di Bruxelles 100% coltivato in Italia. 

“Questa referenza sta conoscendo una forte crescita. La produzione avviene in Italia, in Liguria, e la Gdo apprezza molto la provenienza nazionale rispetto a quella estera. 
Prepariamo vassoi da 350 grammi e stiamo facendo ricerca, insieme a un’azienda sementiera, per coltivare nuove varietà che permettano di allungare il calendario produttivo”.

Una particolare varietà di cavolo
I Cavolini di Bruxelles appartengono alla famiglia delle Brassicaceae e si coltivano in molte zone del mondo e tutto l’anno, ma soprattutto nell’Europa centro-settentrionale. Essendo una varietà di cavolo, nei primi stadi giovanili la pianta è uguale a quella dei cavoli. In seguito, durante la crescita, la pianta sviluppa uno stelo centrale che può raggiungere un metro di altezza ed attorno allo stelo si sviluppano i cavolini. [link]

I cavolini di Bruxelles si prestano a diverse preparazioni facili e veloci. Per renderli più digeribili andrebbero sempre scottati in acqua salata per qualche minuto I cavolini contengono una buona quota di sali minerali, proteine, fibre e vitamine. Sono dei veri e propri stimolanti dell’attività cerebrale e della concentrazione. Sono una miniera di antiossidanti e per questo motivo sono considerati un alimento utile nella prevenzione dei tumori.

5 CURIOSITÀ INTERESSANTI
• I cavolini di Bruxelles sono i germogli ascellari della Brassica oleracea cv. gemmifera.
• Con Bruxelles, condividono solo il nome, sembra infatti, che siano un prodotto nostrano, coltivato in origine dai romani e arrivato in Belgio, solo in un secondo momento, attraverso l’esportazione dei legionari. I cavolini sono maggiormente apprezzati da scozzesi e olandesi e la loro produzione avviene quasi interamente in Inghilterra.
• Combattono stanchezza e senso di affaticamento.
Parole d’ordine contro stanchezza e affaticamento: magnesio e acido folico! E i cavolini di Bruxelles ne sono una fonte per eccellenza.
Anti-cancro per eccellenza.
La presenza di glucosinati, li rende ortaggi fondamentali per la prevenzione del tumore al seno, alla prostata e al colon. Questo avviene, perchè, i composti chimici (isotiocianati) ai quali danno origine a seguito della loro degradazione enzimatica, sono in grado di inibire la proliferazione delle cellule tumorali. 
• Con le loro 43 kcal per 100 gr sono un alimento ipocalorico, ideale per chi vuole mantenersi in forma visto l’elevato potere saziante, non così comune negli alimenti con poche calorie.

Altri
articoli